Idrorintrangenesi

Studio delle Tecnologie per la generazione su larga scala di idrogeno da fonti rinnovabili per il trasporto terrestre-navale e la generazione distribuita

Soggetti coinvolti:

Unige DIMSET, Unige DIST, CNR IENI, Ansaldo Energia, Orizzonte Sistemi Navali

Sintesi del progetto

Il progetto concluso, ha una rilevante potenzialita’ su uno scenario internazionale ed ha previsto:

  • Lo studio delle tecnologie per la generazione di idrogeno per via elettrolitica, per mezzo di elettrolizzatori alcalini (attualmente in commercio) ovvero di elettrolizzatori ad alta temperatura (jn fase di ricerca): tale studio e’traducibile su larga scala avvalendosi di energia elettrica generata da fonti primarie rinnovabili, non convertita o non utilizzata per mancanza di richiesta di energia.
  • Lo studio e la valutazione delle performance del sistema di produzione dell’idrogeno e del suo stoccaggio, con particolare riguardo alla ricerca di sistemi di accumulo innovativi ed efficienti (tramite l’utilizzo di nano-materiali), realizzando a tale scopo un laboratorio completo.
  • Lo studio di un reattore per la conversione dell’idrogeno e della CO2 in idrometano e in altri “chemicals” (ad esempio idrometano e metanolo), che, in parallelo all’idrogeno, possono trovare applicazione nel sistema dei trasporti terresti e navali e nell’ambito della generazione elettrica distribuita.
  • Lo studio per la valutazione dell’utilizzo dell’ossigeno generato per via elettrolitica, tenendo conto del suo valore economico e della grande quantità di ossigeno generata nel processo elettrolitico.
  • Allo scopo di facilitare la diffusione dell’idrogeno nell’ambito dei trasporti navali e terrestri, e’ stato sviluppato lo studio di metodologie di stoccaggi innovative (ad esempio nano-materiali), più efficienti di quelle attualmente adottate (in pressione, chimiche, criogeniche).
  • L’intero progetto e’ stato accompagnato in tutto il suo percorso da una completa analisi termoeconomica “steady state” e “time dependent” su “base gerarchica”, allo scopo di individuare le soluzioni impiantistiche migliori sia dal punto di vista tecnico che economico, valutando altresì la taglia ottimale per il sistema e per le sue interfaccia con il contorno definito di volta in volta sulla base dell’area geografica di applicazione, e, con particolare riguardo, alle applicazioni nel campo dei trasporti terrestri e navali, e per gli impianti di generazione elettrica distribuita.