MAREA

AREA TEMATICA AUTOMAZIONE

MAREA – Monitoring And Rescue Automation

 

Soggetti coinvolti

Oto Melara, Selex Galileo, Università di Genova (DIST, DIBE, DIMEC), CNR (ISSIA), Canova tech, FOS, Graaltech, Hyla Soft, INSIS, Medservice.com, TechnoAware, Telerobot

 

Obiettivi

Il progetto MAREA, nell’area tematica di  Automazione “fase II”,  intende far evolvere le tecnologie già sviluppate nell’ambito del progetto Automazione “fase I” per la gestione su base cooperativa auto-coordinante di “squadre” di veicoli autonomi di sorveglianza e monitoraggio terrestre, acquatico, di superficie e subacqueo, secondo le seguenti tre ulteriori direzioni di sviluppo:

  1. Squadre composte anche da veicoli autonomi aerei
  2. Squadre composte anche da mezzi autonomi di intervento (veicoli intelligenti terrestri e subacquei, di manipolazione e trasporto)
  3. “sciami” di veicoli autonomi, caratterizzati cioè da un’alta numerosità di agenti, ancorché ciascuno di più semplice struttura e più ridotta capacità decisionale (certamente per l’ambito terrestre, ma con possibili estensioni valutabili anche per i casi aereo, acquatico di superficie e subacqueo).

Per tali ulteriori linee di sviluppo si prevede di poter fare costante riferimento ai seguenti scenari applicativi, ad esse collegati

  • Monitoraggio e Intervento nell’ambito di Infrastrutture, Impianti e circostanti ambienti: con particolare interesse rivolto ai grandi impianti idroelettrici (quale ad esempio l’impianto di ITAIPU in Paraguay, con il quale SIIT ha di recente stabilito un accordo pluriennale di collaborazione e ricerca su tali tematiche);
  • Monitoraggio e Intervento nell’ambito di Scenari di Emergenza Post Disastro: con particolare interesse rivolto a quelli di emergenza post-terremoto e gravi incidenti ambientali-strutturali in genere.

Di contorno e supporto alle tre linee di sviluppo su indicate, saranno poi altri aspetti di Ricerca e non meno importanti quali: l’energizzazione, il supporto alla navigazione (sensoristica e video), la possibile integrazione nel  Sistema ed eventualmente nello sciame stesso (ma dovrebbe trattarsi più “propriamente” di un’interazione) di unità Cinofile o personale, l’utilizzo di manipolatori ed altri ancora.

Informazioni aggiuntive