Cluster

Il MIUR ha attribuito particolare rilievo strategico alla nascita e allo sviluppo di Cluster Tecnologici Nazionali da identificare come propulsori della crescita economica sostenibile dei territori e dell’intero sistema economico nazionale.
Più in particolare, i Cluster debbono intendersi come aggregazioni organizzate di imprese, università, altre istituzioni pubbliche o private di ricerca, altri soggetti anche finanziari attivi nel campo dell’innovazione, articolate in più aggregazioni pubblico-private, ivi compresi i Distretti Tecnologici già esistenti, presenti su diversi ambiti territoriali, guidate da uno specifico organo di coordinamento e gestione, focalizzate su uno specifico ambito tecnologico e applicativo, idonee a contribuire alla competitività internazionale sia dei territori di riferimento sia del sistema economico nazionale.

La natura e il ruolo dei Cluster Nazionali tanto più può essere rilevante quanto più si caratterizzino per il loro riferimento a un numero limitato di aree tecnologiche e applicative trasversali, all’interno delle quali far confluire in modo coordinato e organico anche le migliori esperienze e competenze esistenti sul territorio nazionale.
L’analisi della struttura scientifica e tecnologica del Paese e gli orientamenti nazionali e comunitari al riguardo hanno portato all’individuazione di aree specifiche, per ognuna delle quali il MIUR ha voluto favorire la nascita e lo sviluppo di un Cluster Tecnologico Nazionale.

 

Il Distretto SIIT, in rappresentanza della Regione liguria, partecipa a 3 Cluster Nazionali:

 

CLUSTER TECNOLOGICO NAZIONALE – SMART COMMUNITIES

Il Cluster Tecnologie per le Smart Communities promuove lo sviluppo di soluzioni tecnologiche avanzate per implementare modelli innovativi per risolvere le moderne sfide sociali su scala urbana e metropolitana in diversi settori di interesse, quali mobilità, salute, istruzione, cultura e turismo, reti energetiche, efficienza energetica.
In particolare, a partire dal 2018, il Cluster si è concentrato come priorità su tre macro specializzazioni: Mobilità e Logistica, Sicurezza e Smart City, con l’intento di collaborare con gli altri Cluster sulle altre tematiche enunciate.
La Smart Community può, infatti, definirsi come un luogo o contesto territoriale in cui, grazie al supporto e all’applicazione di tecnologie pervasive e allo sviluppo di avanzate soluzioni applicative, è possibile implementare processi e servizi innovativi, inclusivi, partecipativi, democratici e personalizzabili, in risposta alle moderne sfide sociali e tecnologiche, nel rispetto dei requisiti di sostenibilità ambientale, sociale ed economica e riconoscendo la centralità delle esigenze dell’individuo e della comunità.

CLUSTER TECNOLOGICO NAZIONALE – FABBRICA INTELLIGENTE

L’Italia possiede un patrimonio unico di tradizione, cultura, competenze, immagine, design e alte tecnologie che rappresentano l’ambiente ottimale per un manufacturing di alta qualità per prodotti e servizi ad alto valore aggiunto.
Per continuare ad occupare una posizione primaria nel contesto industriale mondiale, raggiungendo e mantenendo nel tempo performance eccellenti nei settori del Made in Italy e nei nuovi settori strategici del futuro, è di fondamentale importanza innovare il settore manifatturiero italiano investendo sulle sue risorse.
Il Cluster Fabbrica Intelligente si pone alla guida di questa importante trasformazione per dare vita ad una comunità stabile sul manufacturing che sia in grado di condividere una chiara visione strategica sul futuro e di aumentare la competitività italiana nel cogliere opportunità internazionali di finanziamenti di ricerca e sviluppo.

CLUSTER TECNOLOGICO NAZIONALE – TRASPORTI ITALIA 2020

Il Cluster, essendo costituito da tutti i maggiori player nazionali industriali e scientifici nelle filiere della mobilità su gomma, su rotaia, su vie d’acqua e dell’intermodalità, intende svolgere un ruolo di sostegno alle politiche centrali e regionali in tema di mobilità sostenibile di superficie, individuando temi comuni tra i modi di trasporto che permetteranno di raggiungere risultati da salto tecnologico atti ad imprimere nuova competitività al sistema produttivo.